La Verdi Marathon verso il sold out

Post 18 Febbraio 2020 By A cura della redazione In Notizie
Rate this item
(0 Voti)


Appuntamento per domenica 23 febbraio, con la partenza unica da Salsomaggiore, in viale Matteotti, alle 9:30. Pochi i pettorali ancora disponibili per partecipare a una delle quattro prove in cui si articola la manifestazione organizzata da Parma Marathon ASD. 

Il governo svizzero ha reso molto facile per i giocatori di poker online partecipare ai loro giochi preferiti https://topcasinosuisse.com/it/poker/ . Nonostante alcuni problemi legali, il governo della Svizzera ha reso molto facile accedere ai siti Web di poker online. Sebbene il governo abbia ancora attuato qualsiasi tipo di regolamento, stanno prendendo in considerazione ulteriormente sviluppando i loro regolamenti. Nonostante questo, ci sono alcuni vantaggi a giocare a poker online in Svizzera. Ecco alcuni di loro. Continuate a leggere per saperne di più. E non dimenticare di dirci la tua esperienza con il poker online. Il primo vantaggio è che le leggi in Svizzera non sono così restrittive. Se sei un giocatore non svizzero, potrai giocare a poker in franchi svizzeri senza alcuna difficoltà. La legalità del gioco d'azzardo in Svizzera non è interrogata a causa del suo alto livello di sicurezza. Il governo è severo quando si tratta di far rispettare questi regolamenti. Ma è importante sapere che il divieto del poker online in Svizzera non ha influito sulla popolarità del gioco nel paese. Se il governo svizzero sta valutando l'applicazione delle regole, allora dovresti prestare attenzione a come i giocatori sono tassati. Questa è una grande ragione per cui molti giocatori scelgono di giocare a poker in Svizzera. Il governo non volerà perdere denaro limitando il numero di persone che giocano il gioco. I giocatori non si alzano per pagare le tasse più elevate perché possono giocare in Svizzera. Il governo svizzero non vuole limitare la quantità di giocatori che hanno, ma se lo fanno, possono provare a imporre una restrizione per il gioco.


Sono circa 2.500 gli iscritti alle quattro prove della 23ª Verdi Marathon di domenica 23 febbraio, una cifra record per la manifestazione organizzata dal gruppo di lavoro Dell’ASD Parmamarathon. «La Verdi Marathon è per tutti, per chi si vuole divertire e per chi si vuole allenare per i mesi a venire, perché propone quattro distanze per tutti i gusti e per tutti i livelli: maratona, 30 km del Principe Diofebo, mezza Maratona, 10 km Salso-Fidenza oltre a una gara non competitiva sui 10 km – ha ricordato il presidente di Parma Marathon, Paolo Peschiera -. Il percorso in discesa è ottimale per realizzare il proprio personal best soprattutto sulla 21,097 km. Una gara che da più di 20 anni promuove il territorio, il benessere e la voglia di divertimento attivo».

Restano pochi pettorali disponibili prima del raggiungimento del tetto massimo di iscritti, posto, appunto, a quota 2.500. Quest’anno è attiva la possibilità di ottenere il rimborso della quota di iscrizione (per le modalità occorre visitare il sito www.verdimarathon.it o collegarsi alla pagina Facebook/Verdi Marathon).

La seconda medaglia dedicata alle opere di Giuseppe Verdi
Come da tradizione iniziata nel 2019, quando l’attuale gruppo organizzatore ha rilevato la manifestazione da Giancarlo Chittolini, la medaglia da finisher sarà dedicata a una delle opere di Giuseppe Verdi. Per questa edizione 2020 la scelta è ricaduta su Ernani, l’opera tratta dal dramma Hernani di Victor Hugo e rappresentata per la prima volta nel 1844 al teatro La Fenice di Venezia. La musica del maestro di Roncole di Busseto entrerà inoltre nella corsa al momento del via, previsto alle 9,30 in viale Matteotti, suonata dal complesso bandistico Verdi di Parma.

Un messaggio di auguri a Giancarlo Chittolini
La presentazione ufficiale della manifestazione è avvenuta venerdì 14 febbraio, nel Salone delle Feste delle Terme Berzieri, alla presenza dell’assessore ai Servizi Sociali del comune di Salsomaggiore, Giorgio Pigazzani, del vicesindaco di Busseto, Gianarturo Leoni, e del principe Diofebo Meli Lupi di Soragna. In apertura, è stato rivolto un saluto e un augurio di pronta guarigione all’ideatore e storico organizzatore della corsa, Giancarlo Chittolini, costretto a un lungo periodo di riposo a causa di una caduta accidentale.

back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione