Nomi, tempi, gare e classifiche dei maratoneti italiani a cura di Correre. Il mensile dedicato al mondo della corsa e a tutto ciò che lo riguarda. Notizie, dati e curiosità. Correre è in edicola o può essere acquistato attraverso abbonamento

Maximaratona

Cerca un atleta

Cerca una gara

Ekiru e Kiplagat battono il record su suolo italiano alla Maratona di Milano

Post 07 Aprile 2019 By Diego Sampaolo In Notizie
Rate this item
(1 Vota)
Titus Ekiru Titus Ekiru Foto: Giancarlo Colombo


I keniani Titus Ekiru e Vivian Kiplagat hanno stabilito il record all-comers su suolo italiano vincendo la diciannovesima edizione della Generali Milano Marathon rispettivamente in 2h04’46’ e in 2h22’25” in una giornata ideale per correre con una leggera pioggia e una temperatura di 10°C.

Ekiru ha demolito il precedente record del percorso detenuto da due anni da Edwin Koech di quasi due minuti e mezzo con 2h07’13”. Koech è stato ancora protagonista sulle strade di Milano anche in questa edizione con il terzo posto in 2h08’24” alle spalle dell’altro keniano Evans Chebet (2h07’22). Hosea Kiprono Maiyo ha completato il quartetto dei keniani al di sotto della barriera delle 2h10’ con 2h09’02”.

Con la prestazione realizzata a Milano Ekiru sale al quinto posto delle liste mondiali dell’anno. In questa stagione si è corso più velocemente soltanto a Dubai con il trio etiope formato da Getaneh Molla (2h03’34”), Herpasa Negasa (2h03’40”) e Asefa Mengistu (2h04’24”) e a Rotterdam con Il keniano Marius Kipserem (2h04’11).

Un gruppo di nove atleti è partito ad un’andatura molto forte con un passaggio da 29’31” al 10 km. Titus Ekiru, Evans Chebet, Edwin Koech e Justus Kimutai sono transitati al 21 km in 1h02’29” e al 30 km in 1h28’38” in perfetta tabella di marcia per battere il record del percorso. Ekiru ha sferrato l’attacco decisivo al 35 km dove è passato in 1h43’28” involandosi verso il traguardo di Porta Venezia in 2h04’46” dopo una seconda metà gara più veloce rispetto alla prima cronometrata in 1h02’17”.

Ekiru ha migliorato di quasi tre minuti il precedente primato personale di 2h07’43” stabilito in occasione della vittoria a Siviglia nel 2017. Nel suo palmares il ventiseienne keniano aveva collezionato altri successi a Città del Messico in 2h10’38” in altitudine e a Honolou in 2h09’01”.

Non mi aspettavo di correre così velocemente. Le condizioni climatiche erano buone per correre e il percorso era molto veloce. Ho dato tutto e al 30 km ho dato l’accelerazione decisiva”, ha dichiarato Titus Ekiru.

Il grossetano Stefano La Rosa ha tagliato il traguardo al settimo posto in 2h14’16” a tre minuti dal personale di 2h11’08” realizzato lo scorso anno a Siviglia. Ottavo posto per il giovane emiliano Alessandro Giacobazzi in 2h17’45”.

La ventisettenne keniana Vivian Jerono Kiplagat ha preso la testa al 10 km con un vantaggio di quattro secondi sull’etiope Wude Ayalew Yimer e sulla keniana Joan Jepchirchir Kigen. Kiplagat è transitata al 21 km in 1h11’11” con un gap di 1 minuto e 29 secondi su Kigen. Kiplagat ha incrementato il suo vantaggio portandolo fino a quattro minuti al 30 km. Nei successivi chilometri la keniana ha proseguito la sua corsa in solitaria prima di tagliare il traguardo con oltre dieci minuti di vantaggio sulla connazionale Joan Kigen Jepchirchir (2h32’32”). Kiplagat ha ripetuto il successo della passata edizione quando tagliò il traguardo in 2h27’08” (suo precedente record personale).

L’etiope Ayelu Abebe Hordofa ha spezzato l’egemonia keniana classificandosi al terzo posto in 2h37’50”. La migliore europea al traguardo è stata la croata Nikolina Sustic (campionessa del mondo della 100 km), quarta con il record personale di 2h38’47”.

La staffetta che schierava i medagliati europei di Berlino Yeman Crippa e Yohanes Chiappinelli ha tagliato il traguardo per prima nella Europ Assistance Relay Marathon che ha visto la partecipazione di 3971 quartetti iscritti. Da record anche la partecipazione alla Maratona che ha toccato la quota di 7623 corridori iscritti.

Sei qui: Home Ekiru e Kiplagat battono il record su suolo italiano alla Maratona di Milano

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione